« Back to News

Egitto-Italia: sistema logistico italiano al Cairo

Accordo JIACC

Il sistema logistico, trasportistico e portuale del nostro Paese si apre ai delegati politico-istituzionali e ai player commerciali del Medio Oriente e del Nord Africa attraverso la partecipazione ai workshop internazionali “New Silk Road” e “Egyptian-Italian dialogue on the marittime sector”.

(Fonte: Telenord) Ecco l’obiettivo della missione italiana in Egitto, che ha visto al Cairo anche la partecipazione del Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, e ha fatto seguito alle visite istituzionali di luglio e giugno in Egitto dei Vicepresidenti del Consiglio Matteo Salvini e Luigi Di Maio e del Ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi. Della ristretta delegazione italiana hanno fatto parte diversi presidenti e dirigenti delle AdSP, i gruppi armatoriali Grimaldi e Messina, Fincantieri, Leonardo, Gruppo Intesa, Monte dei Paschi, Italferr, DBA e Bonelli Erede. In particolare per il sistema dei porti italiani si è trattato di un momento utile per rilanciare non solo il progetto della via della Seta, l’imponente opera di infrastrutture di terra che sta mettendo in piedi il governo cinese, ma anche per siglare accordi e intese. Il Porto di Venezia sta lavorando a un memorandum d’intesa con le dogane di Alessandria d’Egitto nella prospettiva di una collaborazione «spinta» con quelle di tutto l’Egitto. Lo scopo è quello di «scambiare buone pratiche e soprattutto mettere in piedi forme di collaborazione più spinta transdoganale e transfrontaliera». Il presidente Pino Musolino ha sottolineato l’importanza di Venezia come scalo della New Silk Road, e altrettanto ha fatto Carla Roncallo, presidente dell’AdSP del Mar Ligure Orientale a nome del sistema portuale della Liguria.

Per leggere l’intero articolo

® JIAC 2017 – C.F. 97866940584 - Credits