« Back to News

Libano-Italia: progetto per la cooperativa ERICA

Accordo JIACC

Dopo un progetto nella Striscia di Gaza, la cooperativa ERICA, insieme ad altre realtà italiane attive in progetti di cooperazione come COOPI, COSPE e studio Azue e a partner locali, darà vita ad un programma di coinvolgimento delle popolazioni locali per avviare una pianificazione della gestione dei rifiuti urbani.

(Fonte: Targato CN) L’area oggetto di intervento è l’unione dei comuni di Akkar, nel nord del Paese, al confine con la Siria, poco distante dal distretto di Tripoli.  Il 10 settembre prossimo Umberto Gianolio dell’ufficio tecnico di ERICA e il direttore Emanuela Rosio partiranno per Beirut e di lì alla volta di Akkar. Dichiara Emanuela Rosio, in partenza per il primo meeting nell’area del progetto: “Oggi ci sono circa 1,5 milioni di rifugiati siriani, in un Paese di 4,4 milioni di abitanti, come se in Italia ci fossero 20 milioni di rifugiati. La situazione si ripercuote sulla gestione dei rifiuti ed è proprio in un’area al confine con la Siria che andremo a realizzare un master plan sulla gestione dei rifiuti che coinvolge alcuni Comuni e che prevede un ruolo centrale al coinvolgimento dei cittadini”.

Per leggere l’intero articolo

® JIAC 2017 – C.F. 97866940584 - Credits