« Back to News

Sudan-Italia: aziende italiane interessate a investire

Accordo JIACC

Più industria italiana. E’ quanto auspica oggi il Sudan, tornato sui mercati internazionali dopo la revoca delle sanzioni americane dello scorso ottobre. Ed è stato proprio l’architetto di tale revoca, il ministro degli Esteri sudanese, Ibrahim Ghandour, a invitare gli imprenditori italiani a “venire in Sudan per valutare le opportunità di fare affari”, registrando “molto interesse”.

(Fonte: Askanews) Il ministro ha riferito di due incontri avuti con gli imprenditori italiani: uno a Milano, che ha visto la partecipazione di aziende dei settori agroindustria, tessile, bancario, minerario, alimentare, e uno a Roma, con i vertici di Confindustria Assafrica&Mediterraneo, insieme a una ristretta rappresentanza del mondo imprenditoriale e di attori del Sistema Italia che ne supportano l’internazionalizzazione. Incontri definiti “molto positivi e proficui” dal capo della diplomazia sudanese. “Oggi il Sudan sta vivendo in pace, non ci sono conflitti, nessuna rivolta. Il Sudan è sicuro – ha rimarcato – e ha grandi potenzialità perché ha terra, acqua, bestiame, minerali, petrolio, mercato, ma anche i mercati dei paesi vicini senza sbocchi sul mare che importano tutto dai porti del Sudan”.

Per leggere l’intero articolo

® JIAC 2017 – C.F. 97866940584 - Credits